Ricerca avanzata
Buone Pratiche
Chi è a rischio
Cultura
I Fatti
Cultura » Vivere meglio » viaggi AMO il mondo
Alla scoperta dei luoghi di "Delitto e castigo"
10/08/2017
759

Inauguro oggi una nuova sotto-rubrica: “LIBRI IN VIAGGIO”, consigli di lettura in viaggio e di viaggio.
Non potevo cominciare se non con uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi, Dostoevskij, la cui figura e la cui opera sono fortemente legate a una delle più belle città del mondo, San Pietroburgo.
In particolare, questa volta, vi consiglio la lettura di “Delitto e castigo”, un grande capolavoro.
Per chi arriva a San Pietroburgo, sia che già lo abbia letto, sia che lo stia leggendo proprio in quei giorni di viaggio, sarà molto divertente seguire le orme dei personaggi del romanzo, scovando, in giro per la città, le loro case e i luoghi descritti nel libro.
La zona dove potrete rivivere le atmosfere di “Delitto e castigo” è Sennaya ploshchad.
La casa di Raskolnikov, una delle figure più complesse e belle dell'intera opera di Dostoevskij, la troverete all'angolo tra via Stoljarnyj e via Grazhdansaja: un altorilievo dello scrittore ricorda il mitico indirizzo.
Poco distante troverete tutti gli altri luoghi del romanzo: il ponte Voznesenskij; la casa della vecchia usuraia (al civico 67 di canale Griboedev) e la casa di Sonia (sulla stessa strada di quella dell'usuraia, al civico 73).
Ancora oggi, proprio come ai tempi del romanzo, questo quartiere non è tra i più ricchi e ben tenuti di San Pietroburgo e, quindi, le atmosfere del libro vengono ancora restituite con grande intensità da questi vicoli e dalle facciate di queste abitazioni.
Dostoevskij ambientò il romanzo nelle stesse strade dove all'epoca risiedeva: infatti, sulla strada ulitsa Kaznacheyskaya, si trovano i tre appartamenti, ai numeri civici 1, 7 e 9, dove lo scrittore visse tra il 1861 e il 1867.
La casa-museo di Dostoevskij, invece, si trova in via Kuvnechny, l'appartamento dove lo scrittore morì, oggi visitabile. Il museo è ben tenuto, gli ambienti sono stati conservati nella loro originale forma e il pezzo imperdibile è sicuramente lo studio dove Dostoevskij si ritirava per scrivere, con l'immensa scrivania.
Infine, per chi vuole ampliare questo mini-tour letterario, un ultimo consiglio è di andare a visitare la tomba dello scrittore: la troverete al Monastero di Aleksandr Nevsky, facilmente raggiungibile con la metro, in uno dei piccoli, silenziosi cimiteri intorno al monastero.
Ecco, dunque, concluso questo insolito itinerario, rigorosamente da compiere con una copia di “Delitto e castigo” (ma anche di qualche altro capolavoro di Dostoevskij) nella tasca dei pantaloni!

Francesco Scardone

Galleria fotografica

di Francesco Scardone
Inviato: Francesco Scardone
Redattore: Francesco Scardone
Videoreporter: Francesco Scardone
Montatore: Francesco Scardone
Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra.
Apri il menu