Ricerca avanzata
Buone Pratiche
Chi è a rischio
Cultura
I Fatti
Cultura » Vivere meglio » viaggi AMO il mondo
Assisi: tra fede e cultura
10/10/2015
272

Assisi ha un flusso turistico veramente considerevole per le ristrette dimensioni della città: centinaia di migliaia di pellegrini arrivano qui, ogni anno, da ogni parte del mondo, per visitare la Basilica di San Francesco, uno dei luoghi più pregni di significato e importanza per i cristiani.
Ma Assisi non è solo religione, chi è ospite della città può rifarsi gli occhi e gli altri sensi con tante altre cose.
Appena arrivati, non potrete sottrarvi dal seguire la folla di turisti diretti verso la Basilica di San Francesco.
La Basilica è veramente incantevole, è divisa in Chiesa Inferiore e Chiesa Superiore. La Chiesa inferiore ha colori più tenebrosi, poca luce, soffitti bassi; scendendo nei sotterranei troverete la tomba, veramente suggestiva, del Patrono d'Italia.
La Chiesa Superiore, invece, è un tripudio di colori ed esplosioni di luce.
Entrambe, in ogni caso, sono splendide e ospitano i famosi affreschi di Giotto, i più prestigiosi e belli dell'iconografia francescana.
Nelle due chiese, per chi è interessato, si alternano messe ad ogni ora del giorno (non molto gradevole il sermone del prete, durante la mia visita, che si scagliava ferocemente contro ogni forma di famiglia non strettamente tradizionale).
Appena fuori dalla Basilica, troverete il noto Bosco di San Francesco. Si tratta di un bene gestito dal FAI, una passeggiata di rara bellezza.
Come vi dicevo, Assisi non è solo le sue chiese, comunque, tra le tante, vi segnalo le più importanti: la Chiesa Nuova, edificata sulla casa natale di San Francesco; La Cattedrale di San Rufino, patrono di Assisi; e la Basilica di Santa Chiara, dove sono conservati i resti della santa che condivise parte della sua vita religiosa con San Francesco.
A stupirmi, più di tutto, durante la mia visita, è stata l'immensa cura, veramente fuori dal comune, con la quale è tenuta la città: un vero e proprio bon-bon! Le caratteristiche stradine (tutte in pendenza com'è di rito in Umbria) presentano scorci gradevolissimi; negozietti, botteghe e ristoranti di ogni tipo si alternano ai lati della strada, ognuno con la propria peculiarità e tutti caratterizzati da una ammirevole attenzione per i particolari.
Assisi dà l'impressione di essere una città conservata sotto una campana di vetro!
Dopo la piacevole passeggiata sul corso, vi ritroverete nella piazza principale, la Piazza del Comune, ampia e allegra: tanti sono gli artisti che vi intratterranno con la loro musica e i loro disegni (non dimenticate di dare un'occhiata anche al Tempio di Minerva, risalente al I secolo a.C.).
Assisi è molto piccola, ma sono sicura che vi ritroverete ad andare avanti e indietro lungo le sue belle strade per molte ore, senza nemmeno rendervi conto del tempo che passa.
Per chi ha tempo e vuole spingersi un po' fuori dal centro, poi, ci sono l'Eremo delle Carceri, il luogo dove Francesco e i suoi seguaci si ritrovavano per pregare; e la Porziuncola, la piccola cappella a Santa Maria degli Angeli, ambiente di grande importanza nella vita del santo.
I motivi per venire ad Assisi, insomma, sono tanti e, a quanto sembra, uno più valido dell'altro: affrettatevi!

Francesco Scardone


Galleria fotografica

di Francesco Scardone
Inviato: Francesco Scardone
Redattore: Francesco Scardone
Videoreporter: Francesco Scardone
Montatore: Francesco Scardone
TAG ARTICOLO:
Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra.
Apri il menu