Ricerca avanzata
Buone Pratiche
Chi è a rischio
Cultura
I Fatti
Cultura » Coltivare i sensi » Musical MENTE
Concerto dell'Avvento
...ricordando un illustre di Torre Annunziata, il maestro Ferdinando Staiano
10/12/2016
614

Una magica serata per un'occasione speciale è stata quella che si è svolta sabato 10 dicembre 2016 presso la Chiesa Evangelica Luterana “Cristo Salvatore” di Torre Annunziata con uno dei  concerti dell’Avvento, promossi dal Consiglio di Chiesa. Concerto che ha riscosso grandissimi apprezzamenti del foltissimo pubblico presente, il quale con stupore ha potuto apprezzare la location (Chiesa) che per l'occasione è diventata una vera e propria sala da concerto con fari e luci dedicate.  Protagonisti, nella prima parte, il flautista Filippo Staiano e la pianista Irene Antonella Guarino, i quali hanno presentato ed eseguito  un programma vario ed articolato che spaziava  dalla musica classica a quelle di colonne sonore  che hanno fatto la storia del cinema. Nella seconda parte il trio, formato dal soprano Maria Antonietta Caggiano, da Angelo Ruggieri al flauto e da Cornelia Betz all’organo, ha dato vita ad un programma natalizio non tradizionale in tema con la tradizione luterana spaziando da autori quali Bach, Haendel, Dvorak, Frank, Rheinberger.

Ma la sorpresa riservata dal direttore artistico Ruggieri, al foltissimo ed attento pubblico è stata quando ha inteso ricordare la figura del loro maestro Ferdinando Staiano. "Non c’è sorpresa più grande di quella d’essere ricordati" diceva lo scrittore inglese Charles Morgan.
I due flautisti, tra la prima e la seconda parte del concerto, hanno dato vita ad un Largo tratto dal concerto per due flauti di Antonio Vivaldi. 
Ferdinando Staiano, figura emblematica del flauto a Napoli nella seconda metà del secolo appena trascorso, è stato un fiore all’occhiello della grande scuola di Arrigo Tassinari. Egli ha onorato la cultura napoletana in tutti i campi che uno strumentista può affrontare: orchestre prestigiose, attività solistica e cameristica e l’attività didattica nel Conservatorio di Napoli.

Una vita artistica caratterizzata da raffinata compostezza e sottolineata da soddisfazioni artistiche non meno che didattiche è stato il retaggio cui serenamente il maestro Staiano ha potuto guardare divenendo, seppur involontariamente, modello da imitare nella molteplicità di atteggiamenti che una vita nella musica impone giorno dopo giorno.

Quando uno strumentista di valore onora nel contempo il suo ruolo di persona collocata in un contesto sociale disegna un modello che fortunatamente ci è dato cogliere in tanti giovani seri, leali, preparati che si vanno formando nei nostri Conservatori. Questo ricordo è stato un momento di emozione e commozione che ha colto tutti i presenti. 

Tutti e cinque gli esecutori sono stati dominatori assoluti di una situazione di grazia: quella serenità che è dei pochi che non hanno rincorso e percorso i sentieri della vanità, tanto estesi ed inquietanti nel mondo della musica, ma, di aver piuttosto, sempre e soltanto servito la Musica ai livelli più alti preservandola e privilegiandola. 

Una serata che ha provocato negli esecutori e nel pubblico una sensazione di gioia. Proprio quella che provoca la buona musica!

Angelo Ruggieri

Galleria fotografica

di ANGELO RUGGIERI
Inviato: Salvatore Sparavigna
Redattore: ANGELO RUGGIERI
Videoreporter: Salvatore Sparavigna
Montatore: Salvatore Sparavigna
Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra.
Apri il menu