Ricerca avanzata
Buone Pratiche
Chi è a rischio
Cultura
I Fatti
Cultura » Coltivare i sensi » La mia scuola
Il nuovo “infinito” dell’I.C. Giacomo Leopardi.
30/01/2016
2299

Le scuole, di qualsiasi ordine e grado, per la maggior parte dei casi. rispecchiano l’humus sociale e culturale del proprio quartiere, del proprio territorio, soprattutto se quest’ultimo, è devastato da una gestione amministrativa di un’intera città che non sa esprimere sviluppo e crescita sociale e culturale ma, anzi, sa solo aumentare degrado, disuguaglianze e impoverimento etico e morale.

Fino allo scorso anno, malgrado gli sforzi e la caparbietà di tanti bravi docenti, l’Istituto Leopardi di Via Cavour (oggi Istituto Comprensivo) insieme all’accorpata (ex)” Parini” di Via Murat, erano definite “scuole di serie C, scuole di frontiera, etc etc”. anche a causa di alcuni casi di bullismo e, lasciatemelo dire, soprattutto per una gestione “allegra e superficiale” di qualche incapace Dirigente.

L’accorpamento delle due sedi in un unico Istituto Comprensivo, avvenuto quest’anno, ma soprattutto una nuova ed intelligente gestione da parte della Dirigente Prof.ssa Titti Cimmino sta restituendo ai genitori del quartiere una fiducia ed una speranza che vanno oltre qualsiasi immaginazione, così come possiamo constatare dal video servizio che vi propongo.

Il programma esposto in questa prima presentazione di parte degli Open Days, è ricco di stimoli ed innovazioni che coinvolgono tutti, insegnanti, genitori e soprattutto alunni, in un processo di crescita, consapevole e partecipata, che potrebbe segnare finalmente quell’auspicata inversione di marcia, soprattutto se il timone della nave è sempre ben tenuto saldo con la giusta fermezza e determinazione fin qui mostrate.

Complici però, sono anche una grande passione e una forte dedizione al proprio dovere da parte di tutto il corpo docente, a tal punto che si potrebbe pensare, senza presunzione e senza esagerazione, di dimostrare che, come una scuola - cardine e perno per la crescita sana dei ragazzi - anche una città, se sapientemente guidata con capacità ed intelligenza, potrebbe rinascere.

Ma come in una scuola c’è bisogno anche, se non soprattutto, dei genitori, così una città, per la propria rinascita, ha bisogno, oltre che di una autorevole e capace guida, anche di cittadini che hanno voglia di crederci e partecipare.
 

Salvatore Sparavigna

di Salvatore Sparavigna
 Vedi i video servizi correlati (6) > 

Il nuovo “infinito” dell’I.C. Giacomo Leopardi.(© 2016 Salvatore Sparavigna)Le scuole, di qualsiasi ordine e grado, ...

Pubblicato da Salvatore Sparavigna su Domenica 31 gennaio 2016
Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra.
Apri il menu