Ricerca avanzata
Buone Pratiche
Chi è a rischio
Cultura
I Fatti
Chi è a rischio » Le vittime » Vittime del precariato
La paura fa 90...la dignità fa 180.
La disperazione di Gennaro e la risposta delle istituzioni.
24/03/2015
4947

La disperazione di un padre di famiglia, di un ragazzo che in tutti i modi, non avendo una certezza lavorativa ha sempre cercato di “arrangiarsi” con onestà e dignità, pur di non cadere nelle grinfie della malavita.

Lo abbiamo visto, tutti, quando felice, si era organizzato – con regolare posizione fiscale – con un parcheggio, ai giardinetti, speranzoso per un futuro nuovo e diverso, senza precarietà.
Ma questo, si sa, a Torre Annunziata dura poco.

Ieri Gennaro, era alla proiezione del mio documentario e ricordo ancora le sue belle parole, alla fine, quando mi è venuto a salutare ed a complimentarsi. Mai avrei potuto immaginare che dietro a quel bel sorriso stesse tanta rabbia ed indignazione.

Oggi Gennaro Palumbo, forte appunto dell’importanza e del valore della propria dignità, alza la voce ed urla.

E lo fa sicuramente in modo plateale ma, forse, l’unico che si necessita là dove, in questa città, la dignità, il lavoro, l’essere umano, sono “merce di scambio” per un manipolo di politicanti in cambio di una una manciata di voti, per un pacco di pasta, per un posto in una delle tante cooperative “sociali” o come parcheggiatore nella Società in house del Comune, senza aver partecipato nemmeno ad un bando pubblico.

Salvatore Sparavigna

di Salvatore Sparavigna
Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra.
Apri il menu