Ricerca avanzata
Buone Pratiche
Chi è a rischio
Cultura
I Fatti
I Fatti » Attualità » (Mal)AFFARE
La trasparenza? Di che si tratta?
La reazione di un sindacalista ex politico consumato di Torre Annunziata, quando sente parlare di Cantone e della trasparenza.
15/04/2016
1131

Gentile Presidente dell’ANAC
Dott. Raffaele Cantone

Gentile Prefetto di Napoli
Dott.ssa Gerarda Pantaleone

E p.c dott. Michele Del Gaudio


Al link che vi indico a piede, vi è una delle tante comunicazioni legittime e pertinenti dell’ex magistrato Del Gaudio, nonché ex Deputato e attuale componente dell’Osservatorio della Legalità di Torre Annunziata (insieme ad altri, poco attendibili, nominati da “decreto sindacale”) ma soprattutto, referente del presidio di Libera di Torre Annunziata, pubbicate tutte sul suo sito personale.

Nella parte riguardante l’inizio della consiliatura ell’attuale sindaco di Torre Annunziata (4 luglio 2007), si parla già di una “Giunta chiacchierata” per la presenza di Ciro Alfieri e Tommaso Solimeno, che poi strategicamente furono separati dallo stesso sindaco.

Si parla anche di una maggioranza, fra cui leader figurano Domenico Iapicca (nel video) - finito nei verbali del pentito Domenico Migliorino (pure riportati) - e Francesco Donadio, toccato dalla Tangentopoli oplontina del 1993 (tanto da essere allontanato dal suo partito oggi chiamato PD).

Quest’ultimo sodalizio Iapicca-Donadio dura tutt’oggi da più di 30 anni e come quei migliori sodalizi per interessi economici dovuti anche alle assunzioni che si garantiscono, non certamente in questo specifico -  ha avuto un leggero oscurantismo in questi giorni, finito in rissa, come riportato sui giornali e dai carabinieri, e che come sempre, ha avuto l’apparente paciere lo stratega “capo clan” che ha fatto capire a Pietro Iapicca la possibilità della perdita del posto per la figlia nell’Ambito 30, per presunta volontà del nipote Pasquale Iapicca consigliere comunale e dell 'altro consigliere comunale Francesco Donadio. ritornati insieme di nuovo).dopo la sponsorizzazione di quest’ultimo (per la giusta “entratura" nel PD) del vicepresidente del direttivo PD nonché Consigliere Comunale  Luigi Amendola (addirittura - si dice - candidato a futuro sindaco).

Oramai tutti potrebbero essere candidati a sindaco in quel di Fortapache!

Il sindaco è attentissimo affinché tutte le persone con i loro reciproci interessi da rubagalline, DEBBANO dipendere da lui ed ecco perché in dieci anni ci sono stati 150 mila assessori e consulenti vari.

E questo episodio dimostra a Cantone – responsabile dell’Anticorruzione – e al Prefetto pantaleone “CHE NON SI PUO’ GUARDARE AVANTI” CON GLI STESSI VECCHI PERSONAGGI DI PIU’ DI TRENT’ANNI, PRESENTISSIMI SUL TERRITORIO COMUNALE, tradendo un’aspettativa da parte della città di Torre Annunziata di una giustizia autonoma ed indipendente che ripaghi la TORRE ANNUNZIATA ONESTA.

Infatti a tutt’oggi è stato possibile liberare Torre Annunziata dalla camorra ma non certamente dai colletti bianchi, ed infatti, anche gli “incendi notturni di auto” e “le attività di disturbo” devono essere verificate nella loro REALE origine dalla maggiore autorità presente sul posto, ovvero LA PROCURA.

Solo dopo che avverrà questo si potrà proporre, caro Sig. Prefetto, di GUARDARE AVANTI anche perché nel NOSTRO GUARDARE INDIETRO ci sono molti COLLETTI BIANCHI istituzionalmente vicino al PRESIDENTE E AL PREFETTO.

E questa che segue è solo una piccola sintesi rispetto alla nota che si riporta (al link) per intero, per evitare lungaggini, e si citano solo alcuni episodi in breve di persone sempre presenti: 
•    Dimissione Consigliere Comunale Polimeno per consentire il subentro del primo dei non eletti Domenico De Vito, nominato poi dal sindaco nel suo staff.
•    Minaccie al Consigliere Pierpaolo Telese.
•    Intercettazioni che collegano Consiglieri Comunali di Torre Annunziata con Consiglieri Regionali questi poi arrestati per camorra.
•    Scoppi di “petardi” come quelli alla casa Comunale per presunte minacce.
•    Attentati fittizi al sindaco.
•    etc etc.
    
Ma la cosa più importante e la più rilevante dallo stesso Cantone, che ha contribuito alla stesura della Legge Anticorruzione inserendo il Segretario Generale Comunale come Responsabile dell’Anticorruzione, nonché della trasparenza in alcuni casi e controllore sugli atti. è che il primo referente di tale norma è LO STATO rappresentato dal PREFETTO.

E allora - si chiede ad entrambi - come mai il Segretario Generale Comunale del Comune di Torre Annunziata dal 2017 al 2014, dott.ssa Maria Assunta Carmosino, più volte citata anche nella nota scritta dall’ex magistrato Del Gaudio, non è stata mai ascoltata da nessuna autorità anche per i reati in esecuzione presso la Procura delle repubblica di Torre Annunziata, relativi a servizi di cui la stessa era il massimo conoscitore oltre ad essere il vertice della responsabilità e dell’anticorruzione, nonché della trasparenza?

Le attività note a tutti contro la dott.ssa Carmosino, evidenziate anche dallo stesso ex magistrato ed individuate anche da atti, delibere, decreti, commissioni, perché non sono state verificate per accertare se le stesse erano invece dei mezzi di “coercizione e di forte influenza” nei confronti di un Funzionario dello Stato che voleva solamente svolgere il proprio dovere così come gli era stato chiesto dallo Stato attraverso la legge 190 e successivi decreti attuativi?

Dove giacciono da svariati anni, le denunce presentate con relative ricevute di ritorno, indirizzate alla DDA di Napoli, Alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata sin dal 27 marzo 2014, al comandante dei CC Egidio Varcaccio, al Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Torre Annunziata, Alla Procura della Repubblica di Napoli, Alla Polizia di Stato della Questura di Napoli, Al Ministero dell’Interno, Alla Prefettura di Napoli, all’ANAC, al Dipartimento della Funzione Pubblica, Alla Corte dei Conti, Al Componente della Commissione Parlamentare Antimafia on. Falanga, All’On. Senatore Capacchione, etc etc (precisando che a molte di queste persone ha avuto anche un contatto diretto)?

Si potrebbe continuare all’infinito ma il primo messaggio che si rivolge al Presidente Cantone e al Sig. Prefetto è che la CAMORRA è stata messa all’angolo, ma ancora non è stata messa alll’angolo (anzi, è diventata più forte di trent’anni fa) la CRIMINALITA’ IN GIACCA E CRAVATTA.

Si può guardare avanti solo quando quest’ultima sarà allontanata in particolare da coloro che siedono ai verici della stessa e che la coprono.

I cittadini onesti di Torre Annunziata chiedono:
ONESTA' (ieri) ONESTA’ (oggi) ONESTA' (domani) 

Salvatore Sparavigna

 

Il link della nota dell’ex magistrato Del Gaudio qui:

http://www.micheledelgaudio.com/indexblog.asp?view=display&ID=25

Il giorno 15/04/2016 alle ore 20:31:16 (+0200) il messaggio
"Guardarsi indietro per andare "AVANTI"." proveniente da "salvatoresparavigna@pec.it"
ed indirizzato a "protocollo@pec.anticorruzione.it"
è stato consegnato nella casella di destinazione.
Identificativo messaggio: opec281.20160415203115.03362.05.1.64@pec.aruba.it

Ricevuta di avvenuta consegna
Il giorno 15/04/2016 alle ore 20:31:18 (+0200) il messaggio
"Guardarsi indietro per andare "AVANTI"." proveniente da "salvatoresparavigna@pec.it"
ed indirizzato a: "protocollo.prefna@pec.interno.it"
è stato consegnato nella casella di destinazione.
Identificativo messaggio: opec281.20160415203115.03362.05.1.64@pec.aruba.it


 

di Salvatore Sparavigna
 Vedi i video servizi correlati (2) > 
Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra.
Apri il menu