Ricerca avanzata
Buone Pratiche
Chi è a rischio
Cultura
I Fatti
Cultura » Vivere meglio » viaggi AMO il mondo
Londra da brivido!
10/10/2016
7213

Londra non è sicuramente Parigi, ancor meno Roma. Quando si pensa alla capitale inglese, non è certamente l'aggettivo bellissima, il primo che ci viene in mente.
Eppure, questa multietnica metropoli ha comunque un fascino irresistibile, una carica energetica che attira qui, ogni anno, milioni di visitatori (ma anche di nuovi cittadini in cerca di fortuna) da tutto il mondo.
E uno dei tanti aspetti magnetici che fa di questo un posto unico al mondo, è senza dubbio l'atmosfera sinistra e inquietante che si respira per le strade, le sensazioni di terrore e claustrofobia che restituiscono alcuni quartieri.
I sempre ricettivi inglesi, come loro solito, non si sono fatti scappare le possibilità che atmosfere del genere possono rappresentare per il turismo, sfruttandole al massimo e nei più svariati modi.
Vediamo, quindi, quali sono i posti più terrificanti e paurosi da visitare durante un viaggio a Londra.
Possiamo cominciare dai musei, la scelta non manca!
In primo luogo vi consiglio una delle attrazioni più note della capitale inglese, il London Dungeon.
E' pubblicizzata dappertutto ed è possibile acquistare biglietti cumulativi con prezzi scontati che comprendono l'accesso anche ad altre attrazioni, come l'acquario, il London Eye e il museo delle cere. Il biglietto singolo costa circa 25£ (prezzo scontato, circa 17£, se l'acquisto è via web).
La curatissima attrazione vi racconterà tutte le più orrorifiche vicende che hanno avuto luogo a Londra, tra realtà e finzione (da Jack lo Squartatore a Sweeney Todd, passando per molti altri mostri e assassini). Gli attori che recitano nella lugubre messa in scena sono veramente professionali e capaci. Completano l'offerta alcune giostre divertenti, come un labirinto di specchi e una torre degli impiccati.
Insomma, un modo simpatico per passare un pomeriggio diverso, una validissima attrazione che ha la sola pecca di perdere molto del suo fascino per chi non padroneggia bene la lingua inglese.
Proseguiamo poi con un altro museo che potrebbe essere il fratellino minore di London Dungeon: il Clink Prison Museum.
Il museo ricrea le atmosfere, fornendoci interessanti informazioni, della vita che si svolgeva nelle carceri in passato ospitate in questa zona. Quartiere un tempo malfamato, oggi completamente risorto, qui omicidi e delitti di ogni genere erano all'ordine del giorno.
Il biglietto per il Clink Prison Museum costa 7£, la visita non è sicuramente fondamentale ma, se amate le atmosfere horror, ne vale la pena.
Finiamo il capitolo musei con un breve accenno a una delle ale dello sterminato museo delle cere di Madame Tussauds: anche qui c'è un'area a tema horror con statue e attori in carne e ossa che tenteranno di spaventarvi (esperienza carina ma evitabile se ci entrate solo per questo, visto che le vere star, qui, sono le cere dei personaggi famosi).
Ma Londra non è spaventosa solo per i suoi musei, sono, anzi, alcuni quartieri che la rendono veramente indimenticabile per chi ama i film del terrore.
Vi consiglio di costeggiare i tanti vicoli che si snodano lungo il Tamigi, nei pressi del Tower Bridge, di sera (da queste parti si trova anche il sopracitato museo delle prigioni), vagando a caso nella sconfinata zona. Il quartiere non è pericoloso come un tempo ma, al contrario, pieno di vita e di locali, però, in ogni caso, il mood sinistro e oscuro del passato non ha abbandonato del tutto queste strade. Passeggiare sotto i bui ponti di mattoncini, fra gli stretti cunicoli che collegano le vie tra loro è veramente un'esperienza da brividi!
Poi, un po' fuori dai soliti giri turistici, è da ricordare il quartiere di Whitechapel. Oggi è un quartiere non molto ricco, frequentato perlopiù dalla numerosa comunità araba, un tempo era lo scenario dove si susseguirono gli spietati omicidi del serial killer più noto di tutti i tempi; Jack lo Squartatore! Le costruzioni moderne, purtroppo, hanno radicalmente cambiato questo quartiere, del quale si intuisce l'antica spettralità (ricreata in così tanti film) solo da pochi, superstiti palazzi.
In ogni caso, potete venire qui ed unirvi a una delle tante passeggiate a piedi che si alternano nei vicoli, durante le quali guide opportunamente travestite vi racconteranno le gesta dell'assassino ancora oggi senza identità certa.
I tour costano circa 10£, sono diverse le compagnie che li effettuano; anche se sprovvisti di biglietto, arrivando all'ora giusta, la vostra attenzione verrà subito richiamata dalle guide camuffate, dalle quali potrete acquistare i ticket.
Concludiamo questa immersione nel mondo delle tenebre, ricordando un monumento dal grande fascino, la Torre di Londra.
Qui, oltre poter ammirare i gioielli della corona, potrete vivere sulla vostra pelle le atmosfere di uno dei luoghi più inquietanti che abbia mai visto.
La torre fu usata come carcere e come luogo di tortura, il tutto visitabile. Inoltre nel cortile potrete rabbrividire di fronte al piedistallo dove venivano mozzate le teste dei condannati.
E non si possono, infine, non citare i numerosi corvi (la leggenda dice che se gli uccelli abbandoneranno la torre, l'impero britannico cadrà) che svolazzano fra l'erba masticando carne sanguinosa che gocciola dai loro becchi.
Un must per ogni fan dell'orrore!
L'ingresso vi costerà 22£ (18 per gli studenti).
Se poi avete la fortuna di passare per questa sorprendente città durante il periodo di Halloween, difficilmente ne perderete il ricordo: il 31 notte tutto il centro è infestato da fantasmi, zombie, vampiri, licantropi e chi più ne ha più ne metta. Piccadilly Circus è un vero e proprio tripudio di make-up horror e di costumi strabilianti! E, nei quartieri residenziali, appena un po' fuori dal centro, l'immancabile, sogno dei ragazzini di tutto il mondo, dolcetto-scherzetto!
Insomma, penso vi sia chiaro: Londra è il posto adatto dove provare emozioni forti, una tenebrosa città con innumerevoli luoghi dove poter urlare per il terrore!

Francesco Scardone












Galleria fotografica

di Francesco Scardone
Inviato: Francesco Scardone
Redattore: Francesco Scardone
Videoreporter: Francesco Scardone
Montatore: Francesco Scardone
TAG ARTICOLO:
Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra.
Apri il menu