Ricerca avanzata
Buone Pratiche
Chi è a rischio
Cultura
I Fatti
I Fatti » Il territorio negato » Paradossi cittadini
Non c'è differenza tra le scuole oplontine.
Come ti raccolgo l'indifferenziata.
07/01/2014
2172

Prima delle festività natalizie, in piena "campagna pubblicitaria", che ha visto da un lato il non delegato Consigliere Comunale all'Ecologia sbracciarsi con un manifesto affisso in strada, a "dare i numeri" con il suo "67%" quale percentuale raggiunta per la differenziata (ma della sola carta s'intende, anche se non è stato detto) e dall'altro lato, la Società Multiservizi SpA, ammonire tutti i torresi avvertendoli che oramai, si era scesi al 56% e se non si dedicava maggiore attenzione e buona volontà verso la differenziata, dall'anno nuovo, la Tarsu, già con il primato di essere la più cara d'Italia, sarebbe ulteriormente aumentata.

Così è stato, anche se, come sembra, non interessa a molti cittadini che continuano a sversare, in strada, di tutto e di più.

Così come non interessa a molti, Presidi inclusi, sapere e riscontrare che la differenziata, che si effettua nei loro istituti scolastici, per colpa dei collaboratori scolastici o delle imprese di pulizia, viene tutta riversata, mischiata, buttata in un unico sacco enorme, in barba a tutti gli ammonimenti e, soprattutto, a tutti gli sforzi e le attenzioni che gli studenti pure adottano (viste le indicazioni e gli insegnamenti dei loro genitori ed insegnanti).

Non è possibile che per un manipolo di lavativi, scansafatiche  e manigoldi, si possa continuare a far perpetrare tale "crimine" che, in qualche modo, contribuisce all'accrescimento della barbarie e della inciviltà, oltre che della tassa della spazzatura (e non ultimo, dell'inquinamento).

Il tutto, con l'evidente danno che si crea nel lungo, articolato e difficile processo educativo alle giovani generazioni, che pur necessita in questa città, e che con non poche difficoltà - visti i tanti esempi negativi - viene portato avanti dalle altre, ma non molte, persone per bene, insegnanti e presidi inclusi.

E pensare che a giugno già erano stati avvertiti con questo servizio.

Salvatore Sparavigna

 

di Salvatore Sparavigna
Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra.
Apri il menu