Ricerca avanzata
Buone Pratiche
Chi è a rischio
Cultura
I Fatti
I Fatti » Attualità » (Mal)AFFARE
Un Consiglio che non consiglia e i consiglieri impreparati.
Cosa (non) si fa per approvare una proposta di delibera.
25/07/2013
2863

Torre Annunziata, 15 luglio 2013

Alla cortese attenzione del
Signor Procuratore della Repubblica
c/o il Tribunale di Torre Annunziata

Oggetto: esposto/denuncia.

I sottoscritti Capigruppo consiliari in riferimento alla Deliberazione del Consiglio Comunale n. 86 approvato nella seduta del 9 luglio u.s. avente ad oggetto “Comodato d’uso dei locali dell’ex Orfanotrofio Comunale per la realizzazione di una casa di accoglienza per persone in coma vegetativo. Modifica dell’atto di Consiglio Comunale n. 47/2012” sottopongono alla Ss. Vv.. le seguenti considerazioni:

a) il Consiglio Comunale, su proposta dell’Assessore alle Politiche Sociali nonché Vice Sindaco, dr. Ciro Alfieri, ha deciso di concedere in comodato, senza alcuna procedura preventiva di evidenza pubblica, un proprio bene immobile, per ben 12 anni;

b) il Consiglio Comunale non ha mai provveduto a pianificare la destinazione d’uso dei diversi immobili inutilizzati, o parzialmente inutilizzati, di cui dispone; b) detta concessione viene posta in capo ad un soggetto economico – la cooperativa “Gli amici di Guido ed Eleonora” – e non ad una Associazione onlus, con ciò modificando il dispositivo del precedente atto di Consiglio Comunale, il n.47/2012;

c) la decisione appare assunta abusando dei poteri del Consiglio e determinando un possibile danno erariale derivante dalla concessione senza oneri per il beneficiario per ben 12 anni e lasciando gli ipotetici vantaggi per l’Ente - derivanti dalla possibile ristrutturazione - nella più totale incertezza, non essendo allegata alla Deliberazione di cui trattasi nessuna proposta progettuale, computo metrico né quantificazione monetaria degli interventi a farsi;

d) la decisione rischia di alterare la procedura amministrativa attivata dall’avviso pubblico della Regione Campania denominato “Aiuti a finalità regionale per lo sviluppo dell’offerta di strutture per la dignità e la cittadinanza sociale” di cui al Decreto Dirigenziale area AGC/18 n. 273 a valere sul POR/FESR 2007/2013, Asse 6, Obiettivo Operativo 6-3, mettendo il precitato soggetto economico in una condizione di vantaggio rispetto ad altri operatori sulla base dell’avvenuta concessione in comodato dell’immobile.

Tutto ciò premesso i sottoscrittori del presente esposto/denuncia chiedono alla Ss. Vv. di valutare se non ricorrano i presupposti per attivare iniziative di propria specifica competenza.

F.to:
p. il gruppo Centro Comune:
Vincenzo Sica

p. il Gruppo PD:
Raffaele Ricciardi




(Chi volessa scaricare l'esposto denuncia, clicchi qui 

di Salvatore Sparavigna
Inviato: Salvatore Sparavigna
Redattore: Luigi Manzo
Videoreporter: Salvatore Sparavigna
Montatore: Salvatore Sparavigna
Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra.
Apri il menu