Ricerca avanzata
Buone Pratiche
Chi è a rischio
Cultura
I Fatti
Chi è a rischio » Le vittime » Vittime del precariato
Un corteo pieno di belle speranze?
I disoccupati di Torre Annunziata
03/05/2015
2915

Un corteo pieno di belle speranze?

(© 2015 Salvatore Sparavigna) - Tra una platea di cittadini immersa a guardare nella totale indifferenza o dal "nulla" attentamente indaffarati, si è tenuto un corteo con uno sparuto gruppo di disoccupati, poco più di una cinquantina, che in compagnia di pochissimi studenti e qualche familiare, si è presentato alla città "dormiente" con la sigla "Movimento per il Lavoro".

Il lavoro che oramai, quello serio e duraturo, manca da decenni e che in compenso, è stato sempre sostituito, nel'apatica consapevolezza della collusione, dall'arte di arrangiarsi, dalle promesse dei politicanti di turno, dallo scambio e dal favoritismo di altri.

Questo Movimento per il Lavoro chiede e pretende una "carta dei diritti" a salvaguardia della propria dignità e, incontrando il sindaco che preferisce però tenere lontana la stampa, comincia a delineare i primi punti del "tavolo" programmatico sul tema "lavoro e garanzie".

E' difficile credere che tutto ciò porti ad un risultato in cui i principi di democrazia, trasparenza e legalità - che in una città come Torre Annunziata sono lontani anni luce - riescano come per miracolo, ad emergere, ma la "lotta è dura" e - sembra - non fa paura.

Ma "la paura fa 'novanta' e la dignità fa 'centottanta'" recitava un verso dello splendido bravo degli A67 "A camorra...song io!". 

"Torre fa 'sei' e chi s'a piglia fa 'trentasei'" invece diceva un'anziana usuraia di Torre, nel dopoguerra!

Salvatore Sparavigna

 

di Salvatore Sparavigna
 Vedi i video servizi correlati (3) > 
<

(© 2015 Salvatore Sparavigna) - Tra una platea di cittadini immersa a guardare nella totale indifferenza o dal "nulla"...

Pubblicato da Salvatore Sparavigna su Domenica 3 maggio 2015
Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra.
Apri il menu