Ricerca avanzata
Buone Pratiche
Chi è a rischio
Cultura
I Fatti
Chi è a rischio » Gli ultimi » Il destino mancato
Una normale storia di emarginazione, rancore e rabbia.
Mariano Nardi, ex investigatore privato, da Napoli a Torre Annun
05/06/2013
1643

Lo intravedo spesso, Mariano Nardi, a volte in compagnia di un altro uomo (probabilmente il fratello), con il suo cappottone enorme e rigonfio di cose in tasche piene, come tutti coloro che, scollegati da una società che li rifiuta, si attaccano ai loro piccoli averi per tenerli sempre con se affinché possano mantenere vivo quel collegamento con il ricordo delle loro radici, del loro vissuto.
 

Ed è proprio la sua storia che parte sparata, non appena lo invito a parlarmi di lui, dinnanzi al mio telefonino. Le sue origini napoletane che, con orgoglio, tende a mettere subito in chiaro mi lasciano subito intendere qual è il suo stato d'animo per aver scelto di vivere in questa città. Il suo racconto è impregnato di rancore. Mi rattrista soprattutto questo suo sentimento malgrado, probabilmente, abbia tutti i validi motivi per provare ciò.
 
Ascoltando le disavventure capitategli, ma anche percepire la sua lucidità nel ricordare cose, episodi, nomi e date di nascita dei familiari, mi lascia l'amaro in bocca poiché - non vorrei sembrare retorico - pensare che non pochi milioni di euro vengono gestiti da questa amministrazione (anche in qualità  di capofila dell'ambito 15) per le politiche sociali e per gli anziani e ritrovarmi ancora con queste persone che vivono  così emarginate, mi fa pensare che qualcosa bisogna affinare nelle procedure di spesa e concessioni varie.

Anche quando, com mia grande meraviglia, da lui apprendo che per ben due volte è dovuto ricorrere alla lavanda gastrica per aver mangiato cibo scaduto alla Mensa dei Poveri alla Parrocchiella.
 
Ironicamente penso che sarebbe stato un ottimo "caso" da approfondire, per lui, quando lavorava come Investigatore Privato fino a qualche decina di anni fa, ma puntualmente mi distraggo perché continuano a risuonarmi quella splendide parole di don Ciotti che mi diceva "Bisogna fare il morso del più"!

Salvatore Sparavigna
di Salvatore Sparavigna
Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra.
Apri il menu