Ricerca avanzata
Buone Pratiche
Chi è a rischio
Cultura
I Fatti
I Fatti » Il territorio negato » Paradossi cittadini
Una sicurezza a metà!
La sicurezza dei pedoni? A chi figlio e a chi figliastro!
04/05/2017
983

Che dire! 

Questa “sostituzione" dei paletti divelti da un incidente d’auto, ha evidenziato ancora una volta, un ennesimo esempio di come, in qualche modo, per ottenere dei risultati concreti, bisogna insistere attivandosi in prima persona (e per chi è più fortunato come il sottoscritto, telefonando direttamente l’assessore al ramo).

Restano però molti dubbi su come viene presa in considerazione - e gestita di conseguenza - la “sicurezza” dei pedoni e dei cittadini in generale, visto che la stessa situazione di pericolosità è stata evidenziata dalla signora al balcone per l’altra rampa, quella superiore, che da sempre non viene minimamente presa in considerazione.

Anzi, oserei dire che è proprio la prima rampa la più pericolosa almeno da come emerge anche dalle immagini!

Forse la signora che si è lamentata al balcone, dovrebbe accordarsi con tutti i condomini e scrivere una lettera al sindaco, così come hanno fatto quelli del parco di Cristo Re esprimendo forti dubbi sulla qualità dei cittadini che dovranno attraversare il parco Cristo Re per raggiungere la scala di Villa Parnaso per arrivare direttamente su viale Marconi dal Corso Umberto.

Solo così la signora al balcone, approfittando di un ennesimo “affidamento diretto con motivi d’urgenza” - come è stato fatto per i condomini del Parco Cristo Re - potrebbe ben sperare in una messa in sicurezza - per se ed i pedoni tutti - anche sulla prima rampa e, perché no, un bel “project financing”  (tanto amati da sindaco) con il quale potranno beneficiare (i cittadini) di manutenzione e sostituzione di paletti e catene per i prossimi 20 anni.

Salvatore Sparavigna 

di Salvatore Sparavigna
TAG ARTICOLO:
Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra.
Apri il menu