Ricerca avanzata
Buone Pratiche
Chi è a rischio
Cultura
I Fatti
Cultura » Vivere meglio » viaggi AMO il mondo
Vienna: l'elegante città della Principessa Sissi
Consigli in viaggio: cosa non perdere nella bella Vienna
10/09/2015
569

La capitale austriaca ha un primo, grande pregio che in pochi potranno negare: accoglie il suo visitatore con un garbo e una gentilezza che ha pochi eguali in Europa. La pulizia, l'ordine, la disponibilità della gente del posto, il servizio offerto dai mezzi pubblici che può competere solo con quello danese: tutto questo e molto altro fa di Vienna una città perfetta che farà venire la voglia di trasloco anche al più convinto sostenitore del proprio paese natio.

Ma non è solo lo stile di vita a fare di questo un posto invidiabile, ma anche l'indiscutibile bellezza della città, la variegata offerta di divertimento e cultura che può vantare.

La vostra visita deve cominciare dall'Hofburg: il palazzo reale simbolo della casata degli Asburgo. Ho visitato tantissimi appartamenti reali, ma questi hanno qualcosina in più rispetto alla concorrenza. Completa l'offerta il curatissimo museo della principessa Sissi, figura emblematica, misteriosa e quasi magica della storia austriaca. Il biglietto d'ingresso costa intorno ai 12 euro (audioguida compresa). Altra tappa imperdibile, è il Duomo di Santo Stefano: in stile gotico, maestoso.

Nell'Hoher Markt, la piazza più antica della città, se arrivate in orario, per le 12, sull'Anker, l'orologio a carillon che è uno dei simboli della città, vedrete sfilare le figure più rappresentative della storia austriaca, accompagnate da musiche dell'epoca, in un ben congegnato meccanismo.

Per quanto riguarda l'offerta museale, Vienna ha ben pochi rivali:

troverete musei per ogni gusto e di ogni tipo. Ve ne cito alcuni: il Museo di Belle Arti, il Museo dell'Albertina, lo sterminato Museums Quartier, un'ampia zona interamente dedicata alle esposizioni artistiche (si spazia da musei di architettura, pittura fino a quelli per i bambini). Non ve ne consiglio nessuno in particolare: tutti quelli che ho avuto il piacere di visitare erano tenuti benissimo e molto interessanti; scegliete semplicemente quelli più in linea con i vostri interessi.

Anche per quanto riguarda le chiese, l'offerta non è di second'ordine: la mia preferita è sicuramente la Karlskirche, in stile barocco, che vanta degli esterni insuperabili, in un'atmosfera unica, con un basso specchio d'acqua di fronte alla facciata, dove trovava spazio, almeno quando ci sono stata io, un pianoforte: ve lo assicuro: magia pura! Degna di nota anche la Peterskirche, in Stephanplatz. Tra le altre architettura civili, vanno sicuramente segnalati il Rathaus, il municipio con parco annesso; e il Burgtheater, il teatro che ha visto esibirsi i musicisti più geniali di ogni epoca.

Come sempre, non fondamentale la visita delle case-museo: a Vienna ce ne sono tante: Mozart, Freud, Haydn, Strauss e molte altre. Se proprio non potete farne a meno, tra quelle da me testate, vi segnalo quella di Mozart e quella di Freud.

Un po' in periferia, poi, non si può rinunciare al Belvedere, un castello con giardini profumati e rigogliosi: uno dei momenti migliori del mio viaggio a Vienna!

Ma la capitale austriaca non è solo, come vi dicevo all'inizio, arte e cultura: anche il divertimento è di casa qui! Per passare delle ore liete e spensierate, dovete andare al Prater: il vecchio Luna Park, la cui ruota panoramica è ancora oggi il simbolo di Vienna. Troverete giostre di vari tipi e tutte molto divertenti, non le moderne costruzioni megalomani ma opere artigianali di elevata fattura. Le mie preferite? La casa dei fantasmi e il percorso dei dinosauri. Non mancano nemmeno attrazioni più spericolate, come montagne russe e compagnia bella. Il tutto in una festante atmosfera, tra bancarelle di dolciumi e zucchero filato!

Ah, quasi me ne dimenticavo: si può andare via da Vienna senza aver ascoltato un po' di musica classica? L'offerta sotto questo punto di vista è illimitata, per i non-esperti consiglio uno dei tanti spettacolini di musica da camera che, con circa 30 euro, vi darà un assaggio delle composizioni che hanno reso questa città la capitale mondiale della musica classica.

Per i più piccoli (ma anche i grandi si divertiranno un mondo) vi lascio due indirizzi: il museo delle cere di Madame Tussauds (che qui non ho avuto il tempo di visitare) e l'emozionante e divertente attrazione Time Travel, un po' cara(poco meno di 20 euro) ma veramente bella e varia, con filmati 5D, giostre e tante altre cose.

Per gli appassionati di storia moderna, è d'obbligo una capatina alla Judenplatz, nel quartiere ebraico, con il monumento in memoria dell'Olocausto. La piazza è un po' anonima ma ha comunque un grande valore simbolico.

Chi ama i parchi, invece, deve recarsi allo Stadtparker, costruito in onore dei musicisti viennesi (ci sono statue di tutti i più grandi compositori).

Lo avrete capito: Vienna è garanzia di cultura ma anche di divertimento, di arte ma anche di ore spensierate. Insomma, per essere brevi: una città che molto si avvicina alla perfezione!



Antonella Marano

Galleria fotografica

di Antonella Marano
Inviato: Antonella Marano
Redattore: Antonella Marano
Videoreporter: Antonella Marano
Montatore: Antonella Marano
Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l'uso dei cookie da parte nostra.
Apri il menu